Cerca per: light

Casatiello light

Casatiello light

Il Casatiello light è una versione più leggera del classico rustico napoletano, che si prepara a Pasqua, costituito da sugna e salumi grassi. Questa versione del casatiello sostituisce agli ingredienti più grassi quelli più magri; la sugna è sostituita dall’olio. Gustosissima quanto quella classica, questa versione del casatiello è da provare . Seguite la mia ricetta e gusterete un casatiello all’olio leggero buonissimo.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

farina500 g
lievito di birra1
zucchero1 cucchiaino
acqua250 g
sale10 g
olio di semi100 ml

Ingredienti per il ripieno

pepe neroq.b.
bresaola100 g
prosciutto cotto100 g
prosciutto crudo magro100 g
formaggio pasta filata affumicata150 g
parmigiano20 g
pecorino20 g

Preparazione

  1. Per preparare il casatiello light iniziare con l’impasto.
  2. In una planetaria aggiungere la farina, il lievito sciolto in acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero e iniziare a impastare con il gancio.
  3. Successivamente aggiungere il sale e l’olio.
  4. Lasciar lavorare la macchina per 10-15 minuti finché l’impasto non sarà elastico.
  5. Far lievitare l’impasto fino al raddoppio, in forno con luce accesa, per 2 ore circa.
  6. Una volta raddoppiato rimettere l’impasto in planetaria con gancio e aggiungere tutti i salumi e i formaggi tagliati a cubetti, il parmigiano, il pecorino romano e il pepe nero.
  7. Lavorare finché non si amalgama tutto.
  8. Prendere l’impasto e metterlo nel ruoto per casatiello (se non lo avete andrà bene un ruoto per ciambella) oleato.
  9. Far lievitare il casatiello fino al raddoppio per 2 ore circa, in forno spento con luce accesa.
  10. Infornare a 200° per un’ora circa, finché non è dorato ben bene.

 

Consigli

Potete impastare il casatiello a mano seguendo lo stesso procedimento.

Conservazione

Conservare il Casatiello light in luogo fresco, coperto da carta alluminio oppure chiuso in un contenitore ermetico, per 4-5 giorni.

Ricetta in collaborazione con la Dottoressa Marina Mautone biologa nutrizionista, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, di Napoli. (pagina facebook)

Melanzane ripiene al forno light

Melanzane ripiene al forno light

Le melanzane ripiene al forno light sono un piatto unico facile e gustoso, adatte anche come secondo…

Ingredienti

melanzana lunga1
macinato di pollo200 gr
pomodorini ciliegine4/5 pz
basilicoq.b.
saleq.b.

Preparazione

  1. Lavare la melanzane e tagliarla a metà nel verso della lunghezza,togliere la polpa e tagliarla a pezzettini in una ciotola.
  2. Aggiungere ai pezzettini di melanzana i pomodorini tagliati a pezzetti,il macinato di pollo,sale e basilico.
  3. Impastare tutto e poi riempire le 2 parti di melanzane col composto.
  4. Infornare a 200 gradi x 20 minuti.

Conservazione

Le melanzane ripiene al forno light si possono conservare in frigo per un paio di giorni al massimo.

Ciambellone al cacao light

Ciambellone al cacao light

Il ciambellone al cacao light è un buonissimo dolce a base d’acqua, senza burro e latte. Questa ciambella ha un gusto leggero e molto cioccolatoso, ha pochissimi ingredienti ed è di semplicissima e velocissima preparazione.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

acqua350 ml
olio di semi70 ml
farina320 gr
cacao amaro2 cucchiai
lievito per dolci1 bustina
zucchero240 gr

Preparazione

  1. Per preparare il ciambellone al cacao light procurarsi uno stampo a ciambella 20-22 cm.
  2. Ora con l’aiuto di uno sbattitore elettrico iniziare a sbattere acqua e zucchero.
  3. Aggiungere ora l’olio e continuare a sbattere.
  4. Setacciare le polveri da parte.
  5. Aggiungere quindi le polveri setacciate: farina, cacao e lievito al composto e amalgamare bene.
  6. Imburrare e infarinare lo stampo a ciambella.
  7. Versare l’impasto nel ruoto.
  8. Infornare il ciambellone light a 180° per 40-45 minuti.
  9. Dopo 30 minuti fare la prova stecchino.
  10. Sfornare il dolce nel momento in cui lo stecchino esce asciutto.
  11. Far freddare il ciambellone e togliere dallo stampo.
  12. Decorare a piacere o lasciarlo semplice in modo da mantenere la caratteristica light.

 

Consigli

Potete decorare il ciambellone light con una spolverata di zucchero a velo o come preferite con cioccolato fondente o gocce di cioccolato nell’impasto.

Conservazione

Conservare il ciambellone al cacao light sotto una campana di vetro o in un contenitore ermetico in modo che resti soffice per giorni.

Involtini di melanzane in padella light

Involtini di melanzane in padella light

Gli involtini di melanzane in padella light sono un piatto molto sfizioso. Si possono servire come antipasto, secondo o contorno, sono leggeri e saporiti. Questi involtini sono molto semplici da preparare e possono essere consumati anche in una dieta ipocalorica. Divertitevi a prepararli e a gustarli con me.

Vediamo come prepararli…

Ingredienti

melanzane4
provola200 g
aglio1 spicchio
olio di oliva2 cucchiai
basilicoq.b.
passata di pomodoro1
saleq.b.
parmigianoq.b.

Preparazione

  1. Per preparare gli involtini di melanzane in padella light iniziare lavando e tagliando a fettine le melanzane.
  2. Arrostire le fette di melanzana da entrambi i lati su una piastra.
  3. Lasciarle freddare un po’.
  4. Da parte in una padella larga preparare il sugo: soffriggere per pochi secondi l’aglio e l’olio e aggiungere la passata di pomodoro, sale q.b. e del basilico fresco.
  5. Cuocere il sugo per 15 minuti.
  6. Intanto preparare gli involtini di melanzane nel seguente modo: prendere una fetta di melanzana, metterci dentro un pezzetto di provola e avvolgere la melanzana a rotolino; chiudere e fermare il rotolino con uno stuzzicadenti.
  7. Prendere ora tutti gli involtini e metterli nel sugo insieme a una legger spolverata di parmigiano.
  8. Cuocere 5 minuti in modo che prendano sapore.
  9. I vostri involtini light sono pronti.
  10. Servire caldi o freddi.

 

Consigli

Potete sostituire la provola con formaggio a pasta filata o fior di latte.

Si può sostituire la passata di pomodoro con pelati o pomodorini.

Conservazione

Conservare gli involtini di melanzane in padella light in luogo fresco per qualche giorno e riscaldarli all’occorrenza.

Ricetta in collaborazione con la Dottoressa Marina Mautone biologa nutrizionista, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, di Napoli. (pagina facebook)

Pasta con zucchine e gamberetti light

Pasta con zucchine e gamberetti light

La pasta con zucchine e gamberetti light è una versione leggera della classica pasta con gamberetti e zucchine. Costituita da pasta integrale condita con un sugo di gamberetti e zucchine. È molto semplice da preparare e potrete gustarla ogni giorno anche in una dieta ipocalorica.

Vediamo come prepararla…

Ingredienti

fusilli integrali160 gr
zuccchine400 gr
gamberetti250 gr
olio di oliva1 cucchiaio
peperoncino (facoltativo)q.b.
saleq.b.
vino bianco1 bicchierino

Preparazione

  1. Per preparare la pasta con zucchine e gamberetti light iniziare a lavare e tagliare le zucchine a pezzettini piccoli.
  2. In una pentola aggiungere un cucchiaio di olio, uno spicchio di aglio, peperoncino se si preferisce e le zucchine tagliate insieme a un pizzico di sale.
  3. Accendere il fuoco e lasciar cuocere qualche minuto. Aggiungere se è necessario un pochino di acqua per far cuocere le zucchine.
  4. Dopo 15-20 minuti, quando le zucchine saranno cotte sfumare con il vino bianco e lasciare evaporare.
  5. Alla fine aggiungere i gamberetti sgusciati e lavati e lasciar cuocere 10 minuti ancora.
  6. Successivamente cuocere la pasta integrale al dente e condirla con il sugo di gamberetti e zucchine.
  7. Servire caldo.

 

Conservazione

Conservare la pasta con zucchine e gamberetti light in frigo per un giorno e riscaldarla all’occorrenza.

Curiosità

In questa ricetta ho usato la pasta integrale il cui apporto nutrizionale ha maggiori benefici rispetto alla pasta bianca. La pasta integrale è molto indicata nelle diete perché è più nutriente e dona senso di sazietà, è ricca di fibre che aiutano il transito intestinale e riduce l’assorbimento dei grassi.

Cotolette light limone e rosmarino

Cotolette light limone e rosmarino

Le cotolette light limone e rosmarino sono un secondo buonissimo e molto leggero. Se si ha voglia di cotolette ma non si vuole mangiare frittura questa ricetta fa proprio al caso vostro. Arricchite dal sapore del limone e del rosmarino queste cotolette vi stupiranno e saranno una buonissima e gustosissima alternativa al classico e solo petto di pollo arrostito.

Vediamo come prepararle…

Ingredienti

petto di pollo4 fettine
limone (succo)1/2
pan grattatoq.b.
rosmarinoq.b.

Preparazione

  1. Preparare in un piatto grande del pangrattato misto con il rosmarino e un pizzico di sale.
  2. Versare in un altro piatto il succo di 1/2 limone premuto.
  3. Iniziare quindi la panatura delle nostre cotolette light immergendo il petto di pollo prima nel succo di limone e poi nel misto di pangrattato e rosmarino.
  4. Lasciare riposare in frigo almeno una mezz’ora.
  5. Procedere con la cottura su una piastra ben calda per qualche minuto.
  6. Servire le cotolette calde accompagnate da un contorno a scelta.

 

Consigli

Le cotolette light possono essere preparate con qualsiasi tipo di spezia o spezie miste.

Si può sostituire il petto di pollo con una fettina di carne bianca o rossa come preferite.

Conservazione

Le cotolette light limone e rosmarino possono essere conservate già cotte massimo un giorno al fresco ma sarebbe consigliabile consumarle al momento della cottura.

 

Ricetta in collaborazione con la Dottoressa Marina Mautone biologa nutrizionista, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, di Napoli. (pagina facebook)

Riso basmati light con zucchine

Riso basmati light con zucchine

Il riso basmati light con zucchine è un primo semplice e veloce ma molto gustoso. Si può gustare sia caldo in inverno che freddo per una versione estiva. Questo primo è light per la presenza di poco olio e di ingredienti poco calorici. Ottimo per tutti i giorni e per un pranzo leggero.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

riso basmati160 gr
zucchine300 gr
olio di oliva2 cucchiai
cipollaq.b.
pomodorini3-4
saleq.b.
parmigianoq.b.
pepe neroq.b.

Preparazione

  1. Per preparare il riso basmati light con zucchine iniziare tagliando a dadini o piccoli pezzettini le zucchine.
  2. In una padella soffriggere in poco olio la cipolla tritata per qualche secondo.
  3. Aggiungere le zucchine e lasciar cuocere aggiungendo acqua quanto basta.
  4. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà e il sale e terminare la cottura delle zucchine che non dovranno essere molle ma cotte al punto giusto.
  5. Cuocere da parte il riso al dente.
  6. Mescolare il riso nelle zucchine con l aggiunta di parmigiano e pepe nero.
  7. Servire caldo.

Consigli

Questa ricetta si può preparare anche a freddo, come una sorta di insalata di riso per una versione più estiva, facendo freddare completamente il riso in frigo e gustandolo con l’aggiunta di olio di oliva a crudo.

Conservazione

Conservare il riso basmati light con zucchine in frigo per un giorno.

Zeppole di San Giuseppe light

Zeppole di San Giuseppe light

row]

Le Zeppole di San Giuseppe light sono una versione più leggere ma altrettanto gustosa delle classiche zeppole fritte, dolcetti di pasta choux guarniti con crema pasticcera e amarene sciroppate, tipiche del giorno della Festa del papà. Cotte al forno queste zeppole sono gonfie e soffici, non contengono burro e sono semplici da preparare, adatte quindi anche per chi è a dieta.

Vediamo come prepararle…

Ingredienti per l'impasto delle zeppole

acqua250 g
zucchero10 g
sale1 pizzico
olio di semi100 ml
farina250 g
uova5

Ingredienti per la crema pasticcera

latte250 ml
zucchero80 g
amido50 g
tuorli2
buccia di limoneq.b.
estratto di vaniglia1 cucchiaio

Ingredienti per la decorazione

amarene sciroppateq.b.
zucchero a veloq.b.

Preparazione

Per la crema pasticcera
  1. Per preparare le zeppole di San Giuseppe light iniziare con la crema pasticcera.
  2. Scaldare il latte con un cucchiaio di essenza di vaniglia e la buccia intera di mezzo limone.
  3. In una ciotola sbattere i due tuorli con lo zucchero e aggiungere l’amido.
  4. Amalgamare tutto aiutandosi con il latte tiepido e poi versare tutto in pentola.
  5. Cuocere la crema finché non si addensa.
  6. Mettere la crema a freddare coperta con pellicola a contatto per far si che non si formi la crosticina sopra.
Per le zeppole
  1. Per l’impasto delle zeppole iniziare a riscaldare in una pentola l’acqua con l’olio e un pizzico di sale.
  2. Aggiungere lo zucchero e mescolare con un cucchiaio di legno.
  3. Appena inizia a bollire aggiungere in un solo colpo la farina e mescolare finché non si stacca l’impasto dalle pareti della pentola e si forma una palla.
  4. Mettere l’impasto a freddare un po’ in un’altra ciotola.
  5. Una volta tiepido, con l’aiuto di una planetaria con gancio a paletta, iniziare ad aggiungere le uova, una per volta, assicurandovi prima di aggiungerne un’altra che la precedente sia ben incorporata all’impasto.
  6. Il risultato dovrà essere una crema dalla consistenza appiccicosa.
  7. Ora preparare una sac a poche con beccuccio a stella e riempirla con l’impasto.
  8. Foderare una teglia con carta forno e formare le zeppole.
  9. Infornarle a 180° per 30 minuti in forno ventilato.
  10. Aprire il forno al termine della cottura ma lasciare ancora dentro le zeppole mettendo un cucchiaio di legno in modo che il forno resti aperto, per 10-15 minuti. Questo farà asciugare bene le vostre zeppole dentro.
  11. Ora con lo stesso beccuccio a stelle potete farcire le zeppole con la crema e con l’amerena sciroppata.
  12. Spolveratele con lo zucchero a velo.

 

Conservazione

Conservare le Zeppole di San Giuseppe light in luogo fresco per qualche giorno.

Ricetta in collaborazione con la Dottoressa Marina Mautone biologa nutrizionista, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, di Napoli. (pagina facebook)

Funghi trifolati in bianco

Funghi trifolati in bianco

I funghi trifolati in bianco sono un contorno molto semplice da cucinare e molto graditi dagli ospiti.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

funghi champignon500 gr
olio di oliva3 cucchiai
aglio1 spicchio
peperoncinoq.b.
saleq.b.
prezzemoloq.b.

Procedimento

  1. Per iniziare tagliare via la parte finale del gambo dei funghi.
  2. Lavare i funghi e tagliarli a fettine o in quattro parti come preferite.
  3. Soffriggere in una padella aglio, olio e peperoncino.
  4. Aggiungere i funghi, precedentemente lavati e tagliati, con un pizzico di sale.
  5. Lasciare cuocere un po. I funghi rilasceranno dell’acqua.
  6. Lasciare asciugare l’acqua e aggiungere del prezzemolo fresco tritato.
  7. Terminare la cottura dei funghi facendoli rosolare un po nell’olio.
  8. Condire infine con dell’altro prezzemolo tritato se si preferisce, i vostri funghi trifolati in bianco avranno un gusto più fresco e ancora più saporito.

 

Consigli

La regola di cucina vuole che i funghi vengano puliti con un panno umido e non lavati sotto l’acqua anche se in tanti preferiamo lavarli per togliere via il terriccio.

Mescolare i funghi molto delicatamente per evitare che si rompano durante la cottura.

I funghi trifolati possono essere cucinati in bianco ma anche con l’aggiunta di qualche pomodorino, tutto sta nella preferenza di gusto.

Per una versione light e adatta ad una dieta ipocalorica diminuire la quantità di olio.

Abbinamenti

I funghi trifolati in bianco sono ottimi come contorno ma anche da abbinare ad altri piatti; per esempio misti ad altri funghi oppure ad un mix di verdure, mescolati ad un piatto di carne o pollo o tacchino, su una pizza o all’interno di una pizza rustica, nella pasta o in un buonissimo risotto. I funghi sono davvero abbinabili a tantissimi tipi di piatti.

Conservazione

Conservare i funghi trifolati in luogo fresco in un contenitore ermetico per un paio di giorni.

Salmone limone e rosmarino

Salmone limone e rosmarino

Il salmone limone e rosmarino è un secondo a base di pesce saporito e velocissimo da cucinare. Ottimo per i bambini ma anche per chi segue una corretta dieta alimentare.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

salmone2 filetti
olio di oliva2 cucchiai
limone1/2
saleq.b.
rosmarinoq.b.
aglio1 spicchio

Preparazione

  1. Per preparare il salmone limone e rosmarino comprare dei filetti di salmone.
  2. Mettere l’olio in una padella larga e aggiungere i filetti di salmone.
  3. Premere sul pesce un mezzo limone.
  4. Aggiungere uno spicchio di aglio tagliato a fettine.
  5. Aggiungere un pizzico di sale.
  6. Lasciar cuocere il salmone per circa 30 minuti da entrambi i lati.
  7. Aggiungere del rosmarino a metà cottura.
  8. A cottura ultimata impiattare il salmone. Si può decorare il piatto con delle fettine di limone.
  9. Servire caldo.

 

Consigli

Il salmone limone e rosmarino potete cucinarlo con varie spezie, o anche con del prezzemolo tritato.

Per una dieta ipocalorica cucinare il salmone evitando l’olio o diminuendone la quantità,verrà buonissimo lo stesso dato che il sapore è dato dal limone e dalle spezie.

Conservazione

Potete conservare il salmone per un giorno in frigo e riscaldarlo nuovamente in padella con un filo d’olio o un cucchiaio di acqua.

Abbinamenti

Il salmone limone e rosmarino può essere abbinato a qualsiasi contorno di verdure bollite, arrostite, grigliate, o delle patate al forno o all’insalata, oppure ad un insalata mista.

Friarielli

Friarielli

I friarielli sono una verdura tipicamente campana che si mangia come contorno. Fanno parte della famiglia dei broccoli ma hanno un gusto più amaro al quale noi napoletani non sappiamo rinunciare.

Vediamo come preparali…

Ingredienti

friarielli6 fasci
aglio1 spicchio
olio di oliva3 cucchiai
peperoncinoq.b.
saleq.b.

Preparazione

  1. Pulire e lavare accuratamente i friarielli.
  2. Preparare in una pentola un soffritto di aglio, olio, e peperoncino.
  3. Alzare i friarielli dall’acqua senza strizzarli troppo e aggiungerli nella pentola insieme a un po di sale.
  4. Coprirli inizialmente con un coperchio e lasciarli cuocere una mezz’ora.
  5. Togliere il coperchio e ultimare la cottura finché l’acqua rilasciata non sarà evaporata.
  6. Lasciare quindi rosolare nell’olio per qualche minuto.
  7. Spegnere e servire caldi.

 

Consigli

Fare molta attenzione a far freddare un attimino l’olio per pochi secondi prima di aggiungere i friarielli bagnati perché potrebbe scoppiettare al contatto con l’acqua della verdura.

Si possono aggiungere anche alla pasta tipo orecchiette oppure pennette, con del parmigiano e peperoncino, per un primo piatto originale e gustosissimo dal sapore particolare e tipicamente napoletano.

Questa verdura può rientrare nella categoria dei piatti light e quindi essere adatta a diete ipocaloriche diminuendo la quantità di olio o addirittura eliminandolo del tutto.

Abbinamenti

Per noi napoletani  il miglior abbinamento è con le salsicce ma si abbinano benissimo anche con wurstel e mozzarella.

Inoltre li possiamo trovare sulla pizza, nelle torte rustiche, nei panini, negli involtini di carne o pollo, nelle polpette e nelle sfogliatelle salate.

Melanzane arrostite con aceto balsamico

Melanzane arrostite con aceto balsamico

Le Melanzane arrostite con aceto balsamico sono un contorno semplicissimo e buonissimo.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

melanzane500 gr
olio di oliva (oppure di semi)5 cucchiai
aglio1 spicchio
aceto balsamico2 cucchiai
peperoncino (facoltativo)q.b.
saleq.b.

Preparazione

  1. Lavare le melanzane
  2. Tagliare via le estremità.
  3. Tagliare le melanzane a fettine sottili.
  4. Arrostire le melanzane su una piastra e metterle a freddare.
  5. Disporle in un contenitore o in un piatto e condirle iniziando a fare degli strati con olio, fettine di aglio, melanzane, sale, peperoncino (facoltativo), e ogni due strati un cucchiaio di aceto balsamico.
  6. Far riposare almeno mezz’ora le melanzane condite.

 

Consigli

Le Melanzane arrostite con aceto balsamico avranno più sapore se riposeranno molto, infatti potrete prepararle anche il giorno prima e consumarle il giorno dopo.

L’aceto balsamico regala alle melanzane un gusto dolciastro che può essere sostituito con l’aspro dell’aceto di vino bianco o di mele per chi voglia un sapore più deciso.

Le melanzane arrostite rientrano nei piatti light se diminuite la quantità di olio diventando cosi un ottimo contorno di verdura per una dieta ipocalorica.

Abbinamenti

Le Melanzane arrostite con aceto balsamico si abbinano molto bene sia ai secondi di carne che a quelli di pesce.

Inoltre possono arricchire di gusto molti panini, pizze, saltimbocca, crostoni, tramezzini. Si sposano bene con mozzarella, insaccati di vario tipo, carne, pollo, wurstel e anche salse varie come maionese e ketchup.

Conservazione

Le melanzane arrostite si possono conservare sia senza che con il condimento per due o tre giorni in luogo fresco.

Pesce spada al limone

Pesce spada al limone

Il pesce spada al limone è un secondo a base di pesce buonissimo e veloce da preparare. Un tipo di pesce privo di piccole spine gradito anche dai bambini per la sua somiglianza con una fetta di carne.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

pesce spada4 fettine
olio di oliva3 cucchiai
limone1/2
aglio1 spicchio
origano o prezzemoloq.b.
saleq.b.

Preparazione

  1. Per iniziare nella preparazione del pesce spada al limone mettere l’olio in una padella larga.
  2. Aggiungere uno spicchio di aglio tagliato a fettine.
  3. Aggiungere le fettine di pesce spada con un pizzico di sale.
  4. Premere un mezzo limone sul pesce spada e conservare qualche fettina per la decorazione.
  5. Accendere a fiamma media e iniziare a cuocere il pesce facendo seccare il limone.
  6. Il pesce spada non ha bisogno di molta cottura quindi girare le fettine dall’altro lato appena siano diventate bianche.
  7. A metà cottura aggiungere dell’origano o prezzemolo tritato fresco come si preferisce.
  8. Spegnere una volta cotto e servire decorando con fettine di limone.

 

Consigli

Se volete che il vostro pesce spada al limone diventi più light e adattabile ad una dieta ipocalorica, diminuite la quantità di olio.

Conservazione

Potete conservare il pesce spada al limone per un giorno in frigo.

Abbinamenti

Il pesce spada al limone è abbinabile a tutti contorni di verdure sia all’insalata che grigliate oppure alle patate al forno o all’insalata.

Pasta frolla allo yogurt

Pasta frolla allo yogurt

La Pasta frolla allo yogurt è una versione light e più leggera della classica pasta frolla, senza burro ma con l’aggiunta di yogurt greco bianco magro. Una pasta frolla morbida e lievitata per buonissime crostate, che sembreranno delle ottime torte. La consistenza non è uguale alle crostate classiche ma è più morbida e lievitata quasi come un pan di spagna. Provate la mia versione.

Vediamo come prepararla…

Ingredienti

farina300 g
zucchero di canna80 g
lievito per dolci8 g
uovo1
yogurt greco bianco magro150 g
olio di semi50 g
sale1 pizzico

Preparazione

  1. Per preparare la Pasta frolla allo yogurt iniziare a pesare tutti gli ingredienti.
  2. Nella planetaria con gancio a paletta aggiungere la farina, lo zucchero di canna, il lievito per dolci e mescolare.
  3. Successivamente aggiungere l’uovo, lo yogurt greco bianco magro, l’olio di semi e un pizzico di sale. (aromi a piacere come vanillina, scorza di limone ecc..)
  4. Azionare la planetaria e mescolare tutti gli ingredienti finché non si forma un impasto omogeneo.
  5. Lavorare l’impasto su una spianatoia con una spolverata di farina finché non diventa una palla liscia.
  6. Avvolgere con pellicola trasparente e riporre in frigo.
  7. Se invece volete preparare subito dei biscotti o una crostata potete stenderlo direttamente.

 

Consigli

Potete cuocere la vostra pasta frolla a 180° per 15 minuti se si tratta di biscotti, per 30 minuti se preparate una crostata.

Potete aromatizzare la pasta frolla allo yogurt con limone, scorza di limone o arancia, vanillina, estratto di vaniglia o mandorle.

Conservazione

Conservare la pasta frolla allo yogurt in frigo avvolta in pellicola per un giorno oppure congelarla e scongelarla all’occorrenza.

Ricetta in collaborazione con la Dottoressa Marina Mautone biologa nutrizionista, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, di Napoli. (pagina facebook)

Peperoni al gratin

Peperoni al gratin

I peperoni al gratin sono un contorno tipico della cucina napoletana. Il pan grattato conferisce a questo piatto un tocco in più: i vostri peperoni saranno croccanti.

Vediamo come prepararlo…

Ingredienti

peperoni1 kg
aglio1 spicchio
olio di oliva5 cucchiai
capperi sotto sale1 cucchiaio
olive nere100 gr
pan grattato2 cucchiai

Preparazione

  1. Lavare e pulire i peperoni lasciandoli interi.
  2. Arrostire, su una piastra, i peperoni ben bene su ogni lato.
  3. Metterli a freddare.
  4. Sciacquarli e spellarli.
  5. Tagliare i peperoni a striscioline.
  6. In una padella soffriggere aglio e olio e aggiungere i peperoni con un pizzico di sale.
  7. Far saltare i peperoni per qualche minuto nel soffritto.
  8. Aggiungere olive nere e capperi (precedentemente lavati e dissalati).
  9. Verso fine cottura aggiungere il pan grattato.
  10. Lasciare rosolare qualche altro minuto.
  11. Servire caldo.

 

Consigli

Per cucinare molto più velocemente i peperoni al gratin si possono acquistare le scatole di peperoni arrostiti in un supermercato e lavarli e tagliarli a listarelle, in modo da risparmiare il tempo di arrostire i peperoni e spellarli.

Questa ricetta può essere preparata anche in forno, stratificando i peperoni come si fa nella classica parmigiana di melanzane e terminando gli strati con una crosta di pan grattato.

Inoltre questa ricetta si presta tantissimo per una dieta ipocalorica diminuendo ovviamente la quantità di olio. E’ una valida alternativa ai classici peperoni fritti in padella che sono troppo calorici, proprio perché i peperoni sono arrostiti e non fritti.

Abbinamenti

Questa ricetta di peperoni al gratin si abbina molto bene con i piatti di carne.

I peperoni al gratin sonno ottimi anche da gustare in un panino farcito, su crostini di pane, su toast, come antipasto o finger food per una festa.

it Italiano
X